Campagna di crowdfunding per recuperare Casa Sant’Agostino

La cooperazione sociale si apre al territorio e, con il sostegno della BCC, avvia una campagna di crowdfunding per recuperare Casa Sant’Agostino, nel Parco Nazionale Foreste Casentinesi, per offrire un’esperienza nella natura a chi solitamente ne è impossibilitato: disabili con difficoltà a camminare, persone in carrozzina e anziani.

Paolo Babini Onlus, cooperativa sociale di Forlì che da più di 30 anni aiuta bambini e famiglie in situazione di bisogno, per il suo progetto “La Casa di tutti” ha scelto questa casa a 5 km da Corniolo sia per la sua posizione strategica – è una delle poche case immerse nel Parco a essere raggiungibile in auto – che per il suo significato per la comunità locale. Casa Sant’Agostino, infatti, è nata come chiesa e negli anni ha ospitato i ragazzi di tante associazioni, che l’hanno scelta come base di partenza per avventurarsi nella natura.

La Paolo Babini gestisce Casa Sant’Agostino dal 2017 insieme alla Parrocchia del Corniolo, che ne è la proprietaria. L’obbiettivo del progetto è rendere la casa adeguata e accessibile alla nuova utenza con difficoltà motorie. Per farlo servono lavori strutturali, come la ristrutturazione completa dei bagni; solo così Casa Sant’Agostino potrà accogliere ragazzi diversamente abili per laboratori e percorsi educativi nel bosco, alla scoperta delle piante e degli animali che lo abitano, e gruppi di anziani per giornate di sollievo e benessere fisico e dell’anima.

E' possibile sostenere il progetto “La Casa di tutti” di Paolo Babini Onlus facendo una donazione sulla piattaforma di crowdfunding Ideaginger.