Post Covi 19: la ripartenza deve essere "mentale"

Riflessioni di Mirco Coriaci, direttore di Confcooperative Forlì-Cesena, in merito ai criteri della ripartenza delle imprese post Covid 19. Gli strumenti che l’organizzazione cooperativa “bianca” sta mettendo in campo in termini di supporto economico/finanziario e di lobbing nei confronti delle Istituzioni locali

La cosiddetta Fase 2, cominciata a metà maggio, impone alcune riflessioni in merito alla ripartenza del sistema imprenditoriale e ai rischi connessi in termini di sostenibilità economica delle aziende. La riflessione che pone Confcooperative Forlì-Cesena è lucida e senza sfronzoli.

“La ripresa - sostiene il direttore Mirco Coriaci - è soprattutto una questione mentale: lungi da me pensare di sottovalutare le implicazioni sulla salute, serve però uno slancio positivo che si concretizzi in una reale volontà di interscambio e di confronto, andando ben oltre al digitale, che in questi mesi ci ha aiutato non poco (e ci ha fatto anche risparmiare risorse), ma non può essere, guardando avanti, la misura della ripartenza. Questo sforzo di positività è indispensabile, al fine di non cadere nell’alibi Covid. Mi spiego meglio: molte imprese, fra cui anche alcune cooperative, già in difficoltà prima dell’emergenza, rischiano di chiudere a causa degli effetti della pandemia. Questo non deve accadere! Come organizzazione mettiamo a disposizione tutte le opportunità in nostro possesso per scongiurare epiloghi del genere. Mi riferisco all’affiancamento finanziario/economico, al supporto per la riorganizzazione, alla creazione di reti, per favorire sviluppi commerciali. A questo proposito è interessante il caso di Rete 2019, una sinergia di imprese cooperative del settore edile, che si pone quale unico referente verso clienti in procinto di effettuare ristrutturazioni, offrendo anche il supporto finanziario necessario per usufruire delle detrazioni 110%, compreso lo sconto in fattura”.

Confcooperative Forlì-Cesena, in questi mesi, ha intensificato la propria attività di relazione con le istituzioni, per favorire la ripresa di alcuni propri settori: ne è esempio il lavoro svolto a favore delle case di riposo (nella foto Residenza La Meridiana - coop. Il Cigno) e delle strutture socio-sanitarie (Il Cigno - Seriana 2000 - Abbracci - Arcade - Merith Ptah), al fine di ottenere la ridefinizione al rialzo dei riconoscimenti economici dalle pubbliche amministrazioni, a fronte dei costi più elevati in termini di riorganizzazione dei servizi e di presidi, causati dal Covid19.

“Simili attività di lobbing - continua Coriaci - sono state implementate, sempre nei confronti delle istituzioni, nell’ambito dei Centri Diurni per persone con disabilità e dei Centri Estivi: il nostro apporto è andato nella direzione della tutela delle famiglie, in forte difficoltà senza questi servizi primari. Con le amministrazioni locali (Forlì in primis) abbiamo, quindi, definito i percorsi di riapertura in totale sicurezza, grazie ai quali oggi sono stati riattivati i centri per disabili e, dal 15 giugno, avviati i centri estivi per bambini e adolescenti”.

“Tengo a dire - conclude Coriaci - che il periodo della pandemia è stato per noi prezioso, per rilanciare un nostro organismo non troppo attivo negli ultimi anni: si tratta dell’Associazione Giovani Imprenditori Cooperativi, che è stata rifondata con l’apporto di “under 40enni” di valore, al fine di avviare un vero e proprio incubatore di freschezza mentale a servizio dell’imprenditoria giovanile. Si tratta di una risorsa alquanto positiva, anche in funzione dell’emergenza in corso e della necessità di idee vincenti per superare la crisi e rilanciare l’economia, partendo proprio dai giovani, vero e proprio valore aggiunto per l’innovazione”.