Centrale del Latte, partono le celebrazione del sessantesimo

Si è svolta domenica 14 aprile l’annuale Assemblea dei Soci della Centrale del Latte di Cesena, presso lo stabilimento di Martorano, per l’approvazione del bilancio di esercizio chiuso al 31-12-2018. Un momento di confronto e dibattito sull’andamento del mercato lattiero-caseario e sugli investimenti della Cooperativa, ma soprattutto è stato il primo di una serie di appuntamenti che nel 2019 andranno a celebrare i 60 anni di attività.

Il 2018 si è chiuso con un aumento dei conferimenti di latte proveniente dai soci del territorio romagnolo per quantitativi oltre i 7.600.000 di litri totali, impiegati per oltre il 50% nella sempre più importante produzione casearia, un aumento che conferma il percorso di produzione di formaggi di qualità. Sono tante infatti le linee di prodotto fresco e stagionato che ogni giorno migliaia di consumatori scelgono per genuinità e sapore e, domenica scorsa, sono state presentate in anteprima le tre nuove produzioni di formaggi semistagionati: un misto pecora a pasta bianca friabile che sarà in commercio a partire dal mese di giugno dal nome "Sole di Romagna", mentre a partire dai prossimi giorni sarà in commercio il "Pecorino Romagnolo" e una caciottina di pura capra denominata “Delizia di Capra Romagnola” tutti con il Sale dolce delle Saline di Cervia e ovviamente latte rigorosamente romagnolo.

"Novità che si aggiungono alle molteplici referenze attualmente in commercio  – affermano il Presidente Renzo Bagnolini e il Direttore Daniele Bazzocchi – oggi sono circa 25 i formaggi a marchio Cesena tutti attenti alle richieste del mercato, lavorati con metodi artigianali al fine di garantire la qualità dei nostri prodotti. Dopo l’ampliamento dello stabilimento per la produzione di gelato nel 2018 infatti, sono in arrivo anche l’ampliamento del caseificio con una nuova sala di lavorazione dei formaggi, nuove celle di stagionatura e l’ampliamento della sala di produzione ricotte e del reparto di confezionamento". Anche i numeri confermano un trend di crescita costante: il bilancio 2018 si è chiuso con un incremento di fatturato di circa € 1.300.000 rispetto all’anno precedente. I numeri hanno evidenziato anche un aumento delle vendite nella grande distribuzione pari al 6% nel latte fresco, in controtendenza rispetto al mercato nazionale, e ancora più importante è l’ aumento registrato nei prodotti caseari e nel gelato che hanno registrato un aumento rispettivamente del 16% e del 15%. Infine, altro dato significativo che sottolinea l’attenzione di Centrale del Latte di Cesena nei confronti di una produzione estremamente sensibile, è la certificazione "Gli Allevamenti del Benessere" ottenuta da tutti i soci della cooperativa e dall’azienda stessa: un sistema garantito dall’Associazione italiana allevatori che assicura lo stato di benessere delle bovine da latte nelle stalle, al fine di assicurare ai consumatori una filiera ancora più garantita.

Nell'immagine la composizione del Consiglio di Amministrazione durante il pranzo sociale offerto a tutti i soci e dipendenti , a partire da sinistra: Terzo Gessaroli (loc. San Paolo – Rimini RN), Vittorio Lasi (loc. Carpena – Forlì FC), il Direttore Daniele Bazzocchi, Renzo Bagnolini (Sogliano al Rubicone FC), Lorenzo Scalabrin (Portomaggiore FE), Ezio Giovanetti (loc. Ciabarra – Sant’Agata Feltria RN).